Lesione della cuffia dei rotatori: come risolvere il problema.

Hai un dolore alla spalla che ti tormenta? Hai difficoltà a svolgere anche le attività più semplici? Probabilmente hai un problema alla cuffia dei rotatori. Quello che dovete fare, è scoprire di cosa si tratta e fare una valutazione dell’entità del vostro problema, in modo da poter scegliere il tipo di trattamento che fa al caso vostro. In questo articolo cercheremo di fornirvi delle informazioni utili per capire cos’è la cuffia dei rotatori, quali tipi di problemi può dare e come muoversi per risolverli. Inoltre al Centro Zen potrai usufruire di una prima valutazione gratuita, per individuare il problema e guidarti in un percorso volto alla sua risoluzione.

Cos’è la cuffia dei rotatori?

Iniziamo dicendo che la cuffia dei rotatori è costituita da quattro muscoli che originano dalla scapola e i loro tendini si inseriscono sulla testa dell’omero. Parliamo dei tendini dei muscoli sottospinato, sovraspinato, sottoscapolare e piccolo rotondo.

Ognuno di questi tendini può infiammarsi, subire lesioni traumatiche o degenerative, che solitamente sono la maggior parte dei casi e sono di natura evolutiva di una tendinopatia cronica della cuffia  interessa solitamente il tendine del muscolo sopraspinoso. La conseguenza della degenerazione del tendine porta al suo  progressivo indebolimento e nel movimento di abduzione del braccio porta ad un aumento del conflitto delle strutture acromiali.

Diverso è per la rottura traumatica che riguarda principalmente sportivi che mettono sotto stress da sovraccarico ripetuto la cuffia, come giocatori di pallavolo, baseball e basket. E negli incidenti è molto spesso abbinato a fratture dell’omero o lussazioni.

L’insorgenza del dolore compare dopo un’intensa attività sportiva, localizzandosi sulla parte anteriore o laterale della spalla, ma anche in extra-rotazione, sopra i 90° e in abduzione e spesso aumenta di notte.

Come posso capire l’entità del mio problema?

La diagnosi strumentale può avvalersi di radiografie, che purtroppo però ci danno informazioni limitate, ma ci permettono di escludere presenza di calcificazioni dei tessuti molli e di valutare i profili dell’acromion della scapola.

L’ecografia valuta lo stato della cuffia dei rotatori, il capo lungo del bicipite e la borsa subacromiale.

La Risonanza Magnetica e Tac(anche se rilascia molte radiazione) effettuano un completo esame dell’articolazione.

Quali trattamenti possono risolvere il mio problema?

Il trattamento può essere di due tipi, chirurgico o conservativo.

Il conservativo è programmato affinchè il paziente riesca ad avere una buona qualità della vita e mantenga la funzionalità della spalla.

Il trattamento chirurgico è indicato per quelle lesioni parziali che non rispondono al protocolo conservativo utilizzato per alcuni mesi, e alle lesioni complete.

La sutura della cuffia dei rotatori consiste nella riparazione chirurgica, e può essere fatta in artroscopia, ed il recupero sarà sicuramente più veloce, o a cielo aperto.

E’ importante per la programmazione della riabilitazione avere le informazioni necessarie riguardo alle caratteristiche dell’intervento, e gli obbiettivi condivisi con il paziente prima dell’intervento chirurgico.

Passati i primi giorni dove viene tenuta bloccata l’articolazione con un tutore, si comincia una mobilizzazione passiva dell’articolazione, i tempi ed i gradi da raggiungere sono progressivi in basa al tipo d’intervento.

La TECAR ci permette di velocizzare il recupero articolare, perché la sua capacità di generare un calore endogeno, cioè prodotto dal proprio corpo, permette e facilita una vascolarizzazione dei tessuti, stimolando il drenaggio dell’edema e restituendo elasticità ai tessuti migliorandone la mobilità.

Il LASER CO2 o NiYag aiutano nel caso di dolore e generalmente viene usato dopo la fase di recupero articolare.

Perchè venire al Centro Zen?

Presso il nostro studio potrete eseguire una prima valutazione gratuita dai nostri terapisti e il consulto dei nostri medici ortopedici Dott . Leonardo Di BellaPierpaolo Summa telefonando allo 055/4379758.